IETCPO compie le operazioni di leva ed esplica ogni altra connessa attività nei confronti dei connazionali residenti nella circoscrizione.

In genere, il precetto di leva perviene dal Comune di iscrizione anagrafica che lo inoltra direttamente a noi per la successiva notifica all'interessato.

Consigliamo ai giovani residenti all'estero, indipendentemente da ogni notifica, a regolare la loro posizione di leva presso l’IETCPO.

L'autorità consolare provvede inoltre all'arruolamento degli iscritti di leva che intendono rimpatriare per prestare il servizio militare, alla concessione dei permessi di temporaneo rimpatrio per gli iscritti residenti all'estero, alla regolarizzazione della posizione circoscrizionale di coloro che rimpatriano definitivamente dopo il compimento del 27mo anno di età .

Il Decreto Legislativo 30.12.1997, n. 504, pubblicato sulla G.U. n. 26 del 2 febbraio 1998 concernente l'adeguamento delle norme in materia di ritardi, rinvii e dispense relativi al servizio di leva, è entrato in vigore il 31 dicembre 1998.

vai a : Gazzetta Ufficiale

vai a : Ministero della Difesa

vai a : Comuni.it

Si segnalano qui di seguito, i principali elementi innovativi contenuti nel predetto decreto legislativo:

I residenti all'estero, espatriati prima del compimento del diciottesimo anno di età (e non più prima del primo gennaio dell'anno di compimento del diciottesimo anno) sono arruolati senza visita e dispensati dalla presentazione alle armi (art. 9, comma 1).

Analoghi provvedimenti si applicano anche ai residenti all'estero che sono espatriati dopo il diciottesimo ma entro il compimento del ventiquattresimo anno d'età purché l'espatrio sia stato determinato da motivi di lavoro o familiari.

L'interessato può presentare - tramite l'autorità diplomatica o consolare del luogo di residenza - apposita documentata istanza entro la data di compimento delle età indicate ai commi 1 e 2 dell'articolo 9.

Coloro che usufruiscono della dispensa dal presentarsi alle armi ai sensi dell'art. 9, se rimpatriati o residenti all'estero dopo il raggiungimento del ventisettesimo (e non più ventiseiesimo) anno d'età sono dispensati dal compiere la ferma di leva.

Coloro che rimpatriano prima del compimento del 27? (e non più 26?) anno d'età sono dispensati dal compiere la ferma di leva se dimostrano di aver prestato almeno sei mesi di servizio militare effettivo in uno Stato estero di cui posseggano, a qualsiasi titolo e non solo per nascita, la cittadinanza (art. 10, comma 3).

La documentazione da allegare alla domanda consiste nel:

  • certificato di iscrizione all'A.I.R.E. rilasciato dal Comune di ultima residenza in Italia;
  • autorizzazione alla residenza nel Paese ospitante.

Tale documentazione deve essere integrata, a seconda dei motivi dell'espatrio, da:

per lavoro dipendente:

  • copia autenticata del contratto di lavoro, regolarmente registrato, o dichiarazione del datore di lavoro (in questo caso occorre anche esibire il permesso di lavoro rilasciato dalle autorita’ locali). Dal contratto o dalla dichiarazione deve risultare la data di inizio del rapporto di lavoro e la durata dello stesso a tempo indeterminato (o annuale tacitamente rinnovabile);
  • dichiarazione o attestazione da cui risulti che l'arruolato è in regola con gli adempimenti previsti dalla legislazione locale in materia fiscale e previdenziale;

per lavoro autonomo:

  • atto comprovante l'attività svolta e la data d'inizio della stessa;
  • autorizzazione allo svolgimento dell'attività economica o professionale
  • iscrizione in appositi Registri o Albi;

per coesione familiare:

atti o attestazioni da cui risulti la data in cui la famiglia, che deve essere convivente, ha fissato la propria stabile residenza all'estero;

per studio:

- nulla osta all'espatrio (che va chiesto al competente Ufficio di leva quando l'iscritto intende frequentare un corso di studi in un Paese al di fuori della Comunità Europea). Dopo l'espatrio la domanda per l'ottenimento del nulla osta va inoltrata tramite via diplomatica. Il termine utile per l'invio o la presentazione della domanda è il 31 dicembre dell'anno precedente a quello per il quale è richiesta l'autorizzazione.

Tale documentazione, debitamente legalizzata e tradotta in italiano, viene inoltrata dall’ IETCPO al competente Ufficio di Leva.

 

Informazioni utili ai viaggiatori italiani | Aire | Passaporto | Matrimonio e Divorzio | Cittadinanza | Servizi Notarili | Leva | Nascita | professionisti